ULTIME NOTIZIE
18.1.2018   Gasolio agricolo: non è più necessaria la registrazione dei contratti di comodato    18.1.2018   Le sfide per un’agricoltura competitiva: convegno di Confagricoltura a Milano il 23 gennaio    17.1.2018   Spreco alimentare: intervento di Donato Rotundo a HISPAN.TV    17.1.2018   Emergenza ungulati: intervento di Brondelli a Sky-Canale 236, "Parliamo di caccia con Bruno Modugno"    17.1.2018   New Farmers: nella puntata del 18 gennaio andiamo alla scoperta del basilico genovese D.O.P.    17.1.2018   Pasti, presidente della Federazione nazionale cereali da foraggio : “Il rilancio del mais parta da un accordo di filiera sul modello di quello del frumento duro”    17.1.2018   Farnesina, Confagricoltura: "Imprese pronte a fornire know how e assistenza per favorire lo sviluppo dell'Africa Sub Sahariana"    16.1.2018   Giornata del contoterzismo 2018: presente anche il Direttore generale di Confagricoltura    16.1.2018   A Geo&Geo la storia dell'azienda del giovane imprenditore Filippo Schiavone    16.1.2018   Commercio estero, Confagricoltura: "Italia sempre più importatore e trasformatore di prodotti agricoli non nazionali"    15.1.2018   Banche, Abi: prorogato a luglio l’accordo su sospensione rate per le Pmi    15.1.2018   La quinta puntata di New Farmers, il 17 gennaio, ci porta in una realtà agricola astigiana speciale    15.1.2018   Caso Lactalis, intervento al GR1 del presidente Giansanti    13.1.2018   Piovan, presidente della Federazione nazionale delle proteoleaginose: “Così possiamo valorizzare la soia”    12.1.2018   Produzione agricola e grado di auto-approvvigionamento nazionale    12.1.2018   Tavolo agrumi, Confagricoltura: "Risposte parziali per una crisi devastante che ha bisogno di congrui interventi strutturali e contingenti"    11.1.2018   Il Sottosegretario Castiglione premia i 3 vincitori del Bando "Coltiviamo agricoltura sociale" edizione 2017    10.1.2018   Colture orticole, necessari più controlli sui prodotti in arrivo dai Paesi extra-Ue    08.1.2018   Dal 9 gennaio in onda il programma che racconta le aziende di Confagricoltura    08.1.2018   Bonus verde 2018: cos'è e come funziona la detrazione giardini terrazzi e balconi (anche condominiali)   
EDIZIONE

CERCA
Edicola
08 gennaio 2018

Così dal 2018Per il latte le prospettive sono buone

Le previsioni della Commissione europea per il settore primario fino al 2030 Diminuzione costante dei seminativi, soia e barbabietola in crescita

ildebrando bonacini

In occasione del passaggio tra il vecchio ed il nuovo anno la Commissione europea ha prodotto un documento di previsione sullo sviluppo dell’agricoltura Ue con un orizzonte temporale fino al 2030. Ne riportiamo una sintesi per i comparti che interessano principalmente l’area padana, cioè seminativi, latte e carne. Con alcune avvertenze sottolineate dagli autori. Il rapporto si basa su alcuni principi di base: una certa stabilità economica ai livelli attuali, un incremento moderato del prezzo dell’energia e segnatamente del petrolio, stimata fino a circa 90 dollari al barile al 2030, uno sviluppo delle risorse energetiche derivanti da fonti rinnovali e dunque che hanno una diretta ripercussione diretta sull’attività agricola, riforme della Pac in linea con le impostazioni attuali, e una certa attenzione agli aspetti ambientali, condizioni meteo-climatiche normali e normale funzionamento dei mercati internazionali.

settore cerealicolotrainato dall’export

Per i seminativi, tenuto conto che negli ultimi anni la superficie europea ha visto una diminuzione costante, si prevede una continuazione di questa tendenza, anche se inferiore rispetto al passato. Al 2030 si stima un totale di 172 milioni di ettari. I prati permanenti dovrebbero restare stabili, in linea con l’impostazione della politica agricola. La produzione cerealicola è prevista in aumento fino a 341 milioni di tonnellate, trainata da una buona domanda dei mangimi e dell’esportazione nonché da un incremento dell’uso di cereali nell’industria. Le scorte dei cereali in Europa dovrebbero scendere sotto i livelli attuali, soprattutto per frumento ed orzo. Ciò nonostante le quotazioni non avranno significativi passi avanti: si stimano valori tra i 170 ed i 195 euro per tonnellata. E’ previsto un incremento di alimenti proteici di origine vegetale per cui appaiono migliori le prospettive della soia, quanto meno in termini di superficie coltivata. Così come quelle della barbabietola da zucchero che beneficerà della fine delle quote zucchero; per questo la produzione Ue aumenterà fino al 12% e l’Unione europea diventerà un esportatore netto. Buone anche le prospettive del pomodoro sia come prodotto fresco che trasformato spinto da un crescente interesse per lo stile di vita mediterraneo.

Sull’utilizzo dei seminativi per la produzione di biocarburanti le prospettive non sono chiarissime anche se gli indirizzi della Pac sono per il mantenimento della linea attuale. Il loro sviluppo è molto legato a politiche più generali relative agli indirizzi energetici non solo della Ue ma ad esempio anche di quanto faranno i paesi maggiori produttori di petrolio.

nel lattiero caseariosi guarda alla cina

Nonostante le difficoltà incontrate negli ultimi anni, la domanda crescente globale e comunitaria dovrebbe sostenere i mercati del latte a livello mondiale nel lungo periodo. Per contro persisterà una certa variabilità dei prezzi del mercato mondiale con i conseguenti squilibri, possibili anche nel breve termine. La previsione è che il commercio mondiale di latte intero in polvere, latte scremato in polvere, formaggio e burro crescerà in media di 1 milione di tonnellate di latte equivalente all’anno. Valore significativamente inferiore alla crescita media registrata per quasi tutti i prodotti negli ultimi 10 anni. L’unica eccezione è il burro, per il quale il commercio si espanderà più velocemente che nell'ultimo decennio. La Cina resterà il principale importatore mondiale di prodotti lattiero-caseari. Si prevede che le spedizioni verso la Cina aumenteranno considerevolmente, anche se in misura minore rispetto al passato. L’Ue fornirà quasi il 30% dell’aumento della domanda mondiale di importazioni di latte intero in polvere, latte scremato in polvere, formaggio e burro. Includendo il siero di latte in polvere e i prodotti lattiero-caseari freschi, l’export dell’Ue crescerà in media di oltre 400. 000 tonnellate di latte equivalente all’anno. Per contro si stima sia necessario un incremento di 900.000 tonnellate di latte all’anno per soddisfare la crescita nell’uso interno dell’Ue, soprattutto per usi caseari, prodotti per l’infanzia e concentrati di proteine e siero di latte, utilizzati in preparati alimentari.

cambieranno i sistemidi produzione

La produzione di latte, sostenuta anche da un incremento della domanda, aumenterà di circa l’uno percento l’anno (o 1,4 milioni di tonnellate), crescita considerata moderata visto che l’Ue ha aumentato le consegne di 10 milioni di t in 2 anni tra il 2014 e il 2016. Tuttavia, dal momento che l’Ue sarà in concorrenza con la Nuova Zelanda e gli Stati Uniti, questo livello di crescita corrisponde al potenziale aumento richiesto. Lo spazio per l’Ue per aumentare la produzione è limitato dalla richiesta di un uso sostenibile delle risorse naturali. Tuttavia, lo stesso vale per i suoi principali concorrenti. Allo stesso tempo, si assisterà a graduali cambiamenti nei sistemi di produzione e un aumento significativo della produzione biologica in risposta alle aspettative dei consumatori.






Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits