ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
26.3.2019   OCM Vino: a Roma il 27 marzo il workshop di approfondimento “Vino e Mercati Terzi” e le iniziative con operatori da tutto il mondo    26.3.2019   Sole 24 Ore - Una politica agricola nazionale contro la volatilità dei mercati - di Massimiliano Giansanti    26.3.2019   Il WELFARE INDEX PMI premia l'impegno delle aziende agricole. Confagricoltura: le buone pratiche delle imprese sono esempio di crescita per il Paese    25.3.2019   Il presidente Giansanti a Rainews24 sul Memorandum Italia-Cina    25.3.2019   Campagna di promozione dei prodotti ortofrutticoli nazionali: fragole italiane    25.3.2019   "Coltiviamo l'Appennino centrale". Il 4 aprile Confagricoltura incontra le regioni del Centro Italia, gli assessori all'Agricoltura ed il ministro Centinaio    25.3.2019   WELFARE INDEX PMI 2019 premia l'impegno delle aziende agricole. Al Salone delle Fontane (Roma-Eur) martedì 26 marzo, ore 11    25.3.2019   UE: Confagricoltura consolida la sua azione a Bruxelles. Termina la collaborazione con Farm Europe e inizia un nuovo percorso    24.3.2019   Furti di alveari fenomeno nazionale: il servizio del TG5    23.3.2019   Il presidente Giansanti a “Europa Europa” su Radio 24 sulla Brexit    22.3.2019   Giornata acqua, Confagricoltura: l'impegno per un uso sempre piu' efficiente delle risorse idriche grazie all'agricoltura di precisione    22.3.2019   Brexit, Giansanti: si allontana la prospettiva di un'uscita senza regole temuta dal mondo agricolo    22.3.2019   Confagricoltura sollecita l'iter legislativo delle norme sul problema della fauna selvatica    21.3.2019   Spighe Verdi 2019: c’è tempo fino al 5 aprile per le candidature    21.3.2019   Vinitaly 2019: le iniziative di Confagricoltura all’appuntamento del mondo del vino    21.3.2019   Ismea - Primo insediamento giovani: il 25 marzo a Palazzo della Valle incontro informativo sul nuovo Bando    21.3.2019   Una campagna di comunicazione riposiziona i prezzi del vino italiano negli Usa    20.3.2019   Furti di alveari, intervista del GR1 al presidente della FAI    20.3.2019   Luca Lazzaro, neo presidente di Confagricoltura Puglia: “Serve legge speciale per emergenza Xylella e rilancio del territorio”    20.3.2019   Brexit, Giansanti: da un recesso senza regole conseguenze devastanti per l'agricoltura europea   
EDIZIONE

CERCA
Edicola
07 gennaio 2019
il presidente della libera agricoltori sulla manovra

nolli: «complessivamente il mio giudizio è buono ma su latte, zootecnia e suinicoltura ci aspettavamo di più»

cremona Sulla manovra di bilancio del Governo interviene anche il presidente della Libera, Renzo Nolli, che condivide le dichiarazioni, sostanzialmente positive, del presidente confederale Massimiliano Giansanti, ma al contempo rimarca come, per un’area vocata alla zootecnia, come la provincia di Cremona e l’intera pianura padana, ci si sarebbe potuti aspettare qualcosa di più. «Visto che il latte e la suinicoltura rappresentano comparti determinati per l’economia non solo agricola del Paese. Essi sono alla base di molteplici produzioni tipiche e di pregio dell’agricoltura italiana e devono essere sostenuti». Nolli prosegue: «In una fase in cui prezzi sono sotto una positiva pressione internazionale e non riescono ad alzarsi in modo significativo rispetto alle medie europee, ad esempio, lascia perplessi, che non venga detto niente sulla Iva zootecnica. Se su quella del latte, penso si possa essere abbastanza tranquilli, in quanto dovrebbe essere già incamerata come ‘strutturale’ per quella delle carni vi è qualche perplessità in più visto che il relativo provvedimento era stato introdotto come misura straordinaria durante una fase di crisi acuta. Dunque, da questo punto di vista aspettiamo conferme».

Ancora relativamente al comparto latte, definito in tempo utile la questione prezzo, oltre alla attesa conferma più sopra citata dell’Iva, ha destato un certo clamore il ricorso del Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano contro il provvedimento del Ministero della salute sulla normativa e sulla indicazione del ruolo del ‘Lisozima’ nel processo produttivo del Grana padano.

«Non ho informazioni dirette - afferma Nolli - ma da quanto riportato su alcuni quotidiani emiliani relativamente a questo aspetto vi è stato un attacco, presumo anche di tipo sindacale, apparentemente senza alcun motivo ad un prodotto che contribuisce ad assorbire ben il 25% del latte nazionale e che è una delle bandiere del Made in Italy, nonché il prodotto Dop più venduto al mondo. E’ stata una iniziativa deprecabile. Sarebbe molto più utile un atteggiamento maggiormente collaborativo tra Consorzi che rappresentano un importate sbocco commerciale e di ritorno del prezzo del latte ai produttori. Quello del Grana padano contribuisce in forma indiretta ad indirizzare il prezzo del latte alla stalla anche per un ulteriore 25%. E fino ad oggi i prodotti di elevato pregio qualitativo hanno rappresentato una importante ancora di salvezza del comparto, come dimostra l’andamento delle vendite e dell’export che hanno contribuito al sostegno economico anche dei produttori di latte».


Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits