ULTIME NOTIZIE DA CONFAGRICOLTURA
27.1.2020   Dal 30 gennaio su TV2000 le nuove puntate di New Farmers con le aziende di Confagricoltura    27.1.2020   Calendario aggiornato del Consiglio Agricolo- 1° semestre 2020    27.1.2020   Per Germania, Francia e Spagna la Pac deve rimanere fondamentalmente una politica comune dell’Ue    27.1.2020   Parlamento europeo: gli eurodeputati della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale (ComAgri) chiedono maggiore sostegno per il settore vitivinicolo    27.1.2020   Parlamento europeo: la Commissione Commercio Internazionale (ComInta) ratifica l’accordo commerciale UE-Vietnam    25.1.2020   “Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana”: tre aziende di Confagricoltura premiate a Genova    24.1.2020   PAC e Green New Deal: urgente la definizione del Piano Strategico Nazionale    24.1.2020   Palazzo Della Valle ha ospitato il Coordinamento nazionale CoReCom    23.1.2020   SaveTheDate - "Identità e futuro" - Venerdì 31 gennaio / sabato 1 febbraio 2020 - Villa Blanc, ROMA    23.1.2020   Radio 24 Focus Economia intervista Giansanti sui dazi    23.1.2020   Fieragricola 2020: riflettori su economia circolare e internazionalizzazione    23.1.2020   Asia Fruit Logistica, 2020: un’opportunità per l’ortofrutta made in Italy    23.1.2020   A Macfrut 2020 debutta il salone dedicato a spezie, officinali e aromatiche    23.1.2020   Programma di lavoro e priorità della presidenza croata in materia di agricoltura    23.1.2020   Parlamento europeo: scambio di opinioni tra gli eurodeputati della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale e il commissario all’Agricoltura Wojciechowski    23.1.2020   Agenda del Consiglio Agricoltura e Pesca del 27 gennaio    22.1.2020   Rapporto del Centro Studi sull’organizzazione dell’attività agricola    22.1.2020   Maria Concetta Raimondo, neo presidente di Confagricoltura Molise: obiettivo crescita e rinnovato impegno sindacale    22.1.2020   Web tax: Possibili nuovi dazi USA anche per l'agroalimentare made in Italy. Il presidente Giansanti chiede al governo la sospensione    22.1.2020   Peste suina africana, Confagricoltura: Non abbassare la guardia   
31.10.2018
Fake news contro il latte: così il settore è a rischio

Diffondere false notizie su un alimento prezioso come il latte e condannarlo ingiustamente, come è accaduto e continua ad accadere, significa alterare i modelli alimentari e nutrizionali che, invece, sono alla base di uno stile di vita corretto. Ma vuol dire anche assumersi la responsabilità di creare gravi danni ad un settore fondamentale per l’economia del Paese: l’agroalimentare vale il 10% del prodotto interno lordo, il 12% del fatturato delle industrie, e 140 mila posti di lavoro. Lo ha ricordato il presidente nazionale di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, intervenendo al convegno dal titolo “Le fake news fanno male, non il latte!”, organizzato dalla Libera Associazione Agricoltori Cremonesi. È necessario che le istituzioni prendano concretamente atto del rilievo del comparto, bisogna insistere su moderne ed efficaci campagne di promozione, informazione e formazione. Veicolando messaggi positivi e veritieri. Il convegno organizzato dalla Libera ha offerto una puntuale analisi in merito, grazie agli interventi di Renzo Nolli (presidente della Libera), Micaela Cipolla (specialista in igiene del latte ed in sanità), Andrea Lamperti (Osservatorio Internet media ed Osservatorio smart agrifood del Politecnico di Milano), Guendalina Graffigna (docente di Psicologia dei consumi e della salute alla Cattolica di Cremona), Antonio Auricchio (vice presidente di Assolatte), Federico Lena (consigliere regionale delegato dall’assessore Fabio Rolfi), lo stesso Giansanti ed il ministro per l’agricoltura Centinaio. Tra il 2016 ed il 2017 il latte ed i prodotti lattieri sono stati tra i pochi prodotti alimentari che hanno registrato un calo degli acquisti in valore presso le famiglie italiane: -2,5% il latte fresco, -2,3% i formaggi industriali e -1% lo yogurt. Il consumo di latte, ha precisato Nolli, è calato di circa il 15-20% nel corso degli ultimi cinque anni, ed il prezzo pure. La responsabilità non sarà tutta di internet o dei social, ma il fenomeno desta preoccupazione. Di fatto l’alimento principe dell’infanzia e per tutte le età nel caso dell’uomo, viene messo in discussione. Come in alcuni altri casi, clamoroso quello dei vaccini, con uno strumento di comunicazione potente e alla portata di tutti, si cerca di ribaltare usi e consuetudini basati su conoscenza e ricerche scientifiche. Così oggi c’è chi dice che il latte fa male, che lo “rubiamo” ai vitelli, che non è un alimento adatto a tutte le età… Dunque ora l’intero comparto, e di conseguenza gli allevatori, si trovano a dover contrastare questo nuovo fenomeno delle “fake news”, che si sta diffondendo a livello mondiale. È solo ideologia, o vi sono interessi commerciali di filiere concorrenti? Non lo sappiamo, ma il dubbio sovviene.


  Archivio news
Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits