ULTIME NOTIZIE
24.7.2017   Allarme siccità in Emilia Romagna: Carli (Confagricoltura) in collegamento con il Tg1    24.7.2017   OCM Vino 2017: prossimi appuntamenti per le aziende di Confagricoltura    24.7.2017   È arrivata la quattordicesima per tre milioni e mezzo di pensionati    24.7.2017   Siccità: intervento di Giansanti a Radio 24    24.7.2017   Perfezionato il genoma del pesco, passo avanti per il miglioramento genetico    21.7.2017   Ponza d’autore 2017: Confagricoltura sarà presente alla rassegna d’autore    20.7.2017   “Coltiviamo agricoltura sociale” – edizione 2017: pochi giorni alla pubblicazione del nuovo bando    20.7.2017   Agricoltori etiopi e ricercatori italiani assieme per selezionare le varietà di grano migliori    20.7.2017   Agricoltura sociale e reti d'impresa: incontro tecnico a Viterbo lunedì 24 luglio    20.7.2017   Riso e pasta, Giansanti: etichettatura a sostegno delle produzioni agroalimentari Made in Italy    19.7.2017   Agrinsieme, “Le polizze assicurative sono in calo da tre anni, procedure troppo complesse e tempi di pagamento non rispettati”    19.7.2017   Luca Brondelli di Brondello riconfermato presidente di Enapra, l’ente di formazione di Confagricoltura    17.7.2017   Giansanti intervistato da Radio1 Rai    17.7.2017   Siglata una convenzione per l’alternanza scuola/lavoro tra Confagricoltura Donna Calabria e l’Istituto di Istruzione Superiore Mancini Tommasi di Cosenza    17.7.2017   Presentazione di “Prima”, programma euro-mediterraneo di ricerca sull’agricoltura e agroalimentare    14.7.2017   Agrinsieme: "Da rivedere l'accordo di riforma UE sulla legislazione biologica"    14.7.2017   I frumenti del futuro nel genoma del farro selvatico    13.7.2017   Produzione, consumo e commercio internazionale di latte e prodotti lattiero-caseari    13.7.2017   Le mele si conservano di più con Demetra, un trattamento post raccolta a base di estratti vegetali    12.7.2017   Assegnate le Spighe Verdi 2017   
Storia

La Libera Associazione Agricoltori Cremonesi nasce il 30 aprile 1945 in sostituzione della cessata Unione Agricoltori di Cremona. Quest'ultima era un'affiliata della Confagricoltura ed era stata creata fin dal 1934 quando a tutte le confederazioni era stato imposto di avere strutture gerarchiche che ricevessero la loro investitura dall'alto.

La sede scelta è la stessa nella quale la federazione degli agricoltori svolgeva la propria attività durante il periodo fascista e si affaccia sulla piazza del Comune. Tale edificio, sorto nel 1932, grazie all'apporto forzoso imposto dalla confederazione fascista, che prevedeva una trattenuta pari a 1 kg di frumento ogni 100 kg a tutti gli agricoltori che consegnavano tale prodotto all'ammasso, è stato riacquistato dagli agricoltori cremonesi dopo la guerra, in quanto era stato precedentemente confiscato dal regime.

Alcuni mesi dopo la costituzione, l'Associazione scelse di esprimere e far sentire la propria voce creando una pubblicazione quindicinale, "Rinascita Agraria", che contribuì a chiarire le inesattezze e le calunnie che nel primo dopoguerra venivano rivolte agli agricoltori da parte di alcuni giornali e partiti politici. Scopo principale del periodico fu quello di indirizzare e confortare i lavoratori della terra sulla difficile via della ricostruzione.

Attraverso questo periodico la Libera ha sempre cercato di creare un collegamento con i propri associati, fornendo loro informazioni di tipo sia tecnico che economico-sindacale. Il primo presidente fu Alfredo Camozzi; gli successero Giannino Ferrari e Francesco Achilli. Quest'ultimo, considerata l'estrema divergenza nel modo di intendere la tutela degli interessi delle parti agricole, decise nel 1956 di far uscire la Libera dalla Confagricoltura, pur mantenendo con essa stretti rapporti; La Libera è stata, ad oggi, l'unica organizzazione in Italia a vivere una propria indipendenza.

Il motivo scatenante di tale separazione fu appunto che mentre la Libera era fortemente rappresentativa della realtà degli agricoltori, l'organizzazione madre parteggiava per la proprietà fondiaria, creando attrito nella gestione dei rapporti tra la proprietà fondiaria e la realtà dei fittabili (all'epoca molto rilevante). Anche a seguito di questi eventi la provincia di Cremona è stata la prima ad avere separata l'Associazione Proprietari Fondi Rustici Affittati dal Sindacato degli Agricoltori. Il presidente Duchi, successore di Achilli, nel 1979, rendendosi conto che per mantenere forte l'organizzazione era necessario stabilire un'attiva collaborazione con la sede nazionale, convocò un'apposita assemblea, cui partecipò l'allora presidente di Confagricoltura Gian Domenico Serra, per deliberare il rientro della Libera Associazione Agricoltori Cremonesi nella struttura di Confagricoltura. Il successore di Duchi, Mario Maestroni ha dovuto affrontare uno dei momenti più delicati per il settore agricolo da un punto di vista economico, caratterizzato dalla riforma della PAC (Politica Agricola Comunitaria). Nonostante le difficoltà tecniche di gestione della riforma e il conseguente adeguamento alla stessa, la Libera ha saputo cogliere con tempestività la relativa importanza e trasmetterla con incisività ai suoi soci. Dall'aprile 2008 il Presidente è Antonio Piva sostituito dal 2014 da Pierluigi Filippini. Dal mese di ottobre 2016 la poltrona di Presidente dell'Organizzazione è occupata da Renzo Nolli.

Links
LINKS
Libera Associazione Agricoltori Cremonesi - Piazza del Comune, 9 - 26100 Cremona - P.IVA 80000250193
Privacy Policy    |    Cookie Policy    |    Credits